ALTRO ALLARME DA FANO!!!

Andare in basso

Re: ALTRO ALLARME DA FANO!!!

Messaggio  Giampypampy il Ven 03 Giu 2011, 15:17

dal Corriere Adriatico del 03/06/2011

Tratta abbandonata, muro da abbattere al più presto
Fano. Accorato è l’appello del movimento dei Radicalsocialisti e del circolo Polverari di Fano perché al più presto di giunga ad una decisione per la sorte della ferrovia Fano – Urbino. Da lungo tempo si dibatte se ripristinare il collegamento ferroviario o trasformare la tratta in pista ciclabile, senza che si giunga ad una soluzione concreta.

“Il muro di Berlino è durato 28 anni – evidenziano entrambi - e quello del... Metauro si avvia a battere il record. E’ un vero e proprio “muro”, infatti, il percorso della vecchia ferrovia Fano-Urbino soppressa (anzi “sospesa”) nel 1987. Un “muro” fatto di binari arrugginiti, muretti e recinzioni protettive, rovi ed erbacce spesso alte un metro ricettacolo di ogni genere di immondizia (nonostante il meritorio ma improbo lavoro dei volontari che ogni tanto la ripuliscono).

Un “muro” lungo 50 chilometri che attraversa e divide in due i paesi dell’entroterra fanese fino al capoluogo feltresco: Rosciano, Cuccurano, Lucrezia, Calcinelli, Tavernelle, Ponte degli Alberi, Fossombrone, San Lazzaro, Calmazzo, Canavaccio, Fermignano. Si discute se al posto di questo inutile e malinconico serpente di sterpi e ferraglia ci stia meglio una pista ciclabile oppure una rinnovata ferrovia “leggera”, e c’è pure chi ha il coraggio di dire che “non c’è fretta”, perché “la questione non è prioritaria”: questo dopo ben 24 anni di incredibile e scandaloso immobilismo”.

Che dire? A questo punto ogni parola sarebbe inutile, nonostante ancora si continui a dibattere se sia meglio l’una o l’altra soluzione, occorre decidere.

“Si faccia pure una bella ciclabile o si ripristini la ferrovia (anche se i passaggi a livello in mezzo ai paesi erano un altro bel muro), o magari tutte due le cose insieme – affermano il movimento radicalsocialista e il circolo Polverari - ma per favore si metta fine al più presto questo scempio, a questa barriera divisoria che taglia vie e quartieri e rende difficile passare da una parte all’altra dei paesi ormai cresciuti. Occorre decidere subito perché il tempo che si è perso finora (24 anni) grida proprio vendetta”.

avatar
Giampypampy

Numero di messaggi : 32
Data d'iscrizione : 17.04.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: ALTRO ALLARME DA FANO!!!

Messaggio  mimaz il Sab 28 Mag 2011, 00:11

Ecco gli ultimi articoli di giornale e la risposta di Carlo. In modo più giornalistico dice quello che pensa Giovanni!!
E il solito Ricci che "gli ridono in faccia"..... ci credo!!!! Forse un giorno farà i nomi di questi dirigenti e responsabili.
Forse ha parlato con l'usciere di Villa Patrizi!!







mimaz

Numero di messaggi : 119
Data d'iscrizione : 14.03.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: ALTRO ALLARME DA FANO!!!

Messaggio  Giovanni Carboni il Ven 27 Mag 2011, 11:11

Non mi vengono nemmeno commenti da fare. Sono semplicemente degli scemi.
avatar
Giovanni Carboni

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 06.03.09
Località : FANO

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: ALTRO ALLARME DA FANO!!!

Messaggio  Giampypampy il Ven 27 Mag 2011, 09:52

Dal Correre Adriatico del 26/05/2011 (non metto il link perché cambiano...)
Bici al posto del vecchio treno

Su iniziativa di Cicerchia tutto il centrodestra chiede una pista ciclabile sulla Fano-Urbino

Fano. Una mozione per chiedere di trasformare l’ex ferrovia Fano-Urbino in una pista ciclopedonale. L’iniziativa è del capogruppo del Pdl in consiglio comunale Marco Cicerchia, poi condivisa da tutti i capigruppo di maggioranza: Giacomo Mattioli per La Tua Fano, Pierino Cecchi per l’Udc, Christian Marinelli per I Socialisti per Fano, Antonio Napolitano, per Fli.

A portare all’attenzione del consiglio comunale un tema già ampiamente dibattuto era stato, lo scorso 28 marzo, Christian Marinelli, che aveva presentato una mozione, approvata all’unanimità, con la quale si chiedeva alla giunta di adoperarsi per la convocazione di un tavolo con tutte le forze interessate a studiare un diverso utilizzo della linea ferroviaria Fano-Urbino, oggi completamente abbandonata dopo l’interruzione del servizio nel 1987.

Cicerchia e l’intera maggioranza rilevano come ormai l’unico futuro possibile per l’ex ferrovia sia la riconversione in pista ciclopedonale, visto che riattivare il servizio risulterebbe antieconomico, per questo nella mozione, che sarà discussa in consiglio comunale, si impegna il sindaco e la giunta “ad aprire un tavolo di discussione insieme alle amministrazioni dei Comuni lambiti dalla ex ferrovia, alla Provincia, alla Regione e ai vertici di Trenitalia”.

Infatti, da anni, il collegamento Fano-Urbino e ritorno è servito da frequenti linee di autobus, che effettuano le stesse fermate che un tempo erano servite dalla linea ferroviaria. “Per una buona parte della copertura dei loro costi il servizio su strada usufruisce di contributi pubblici – rileva la mozione - e quindi riattivare la ferrovia risulta antieconomico non solo per gli enormi investimenti di adeguamento della stessa alle normative attuali, ma anche per l’antieconomicità che avrebbe nel suo complesso sul sistema dei trasporti provinciali”. A questo si aggiunge il fatto che “la Svim (Sviluppo Marche) conferma che non esistono le condizioni di carattere strutturale e finanziario perché la ferrovia Fano-Urbino possa essere rimessa in funzione, poiché i moderni criteri di funzionalità non sono agevolmente rispettabili”. Al contrario “se fosse costruita una pista ciclopedonale Fano Urbino, e si unisse addirittura alla pista ciclopedonale da poco inaugurata Pesaro Fano, questa costituirebbe la pista ciclabile al momento più lunga d’Europa, e sicuramente rappresenterebbe un’infrastruttura dalle potenzialità enormi per turisti e residenti.

Federica Giovannini

Lo stesso progetto sostenuto da Ricci Sarebbe il tracciato più lungo d’Europa
Fano. Il progetto di una pista ciclopedonale sul percorso dell’ex ferrovia Fano – Urbino era stato già lanciato dal presidente della Provincia Matteo Ricci, che crede fermamente che la bicicletta possa essere la chiave per il rilancio turistico del territorio. Con la mozione della maggioranza fanese si crea dunque una convergenza bipartisan sul tema, che potrebbe portare a un’accelerazione nella realizzazione della pista che, unita alla pista Fano-Pesaro, diventerebbe la più lunga di Europa. “La strada statale 3 (Flaminia) e le varie strade comunali e provinciali che da Fano portano a Urbino per la loro larghezza non permettono di prevedere corsie riservate alle biciclette e tanto meno ai pedoni - sottolinea il capogruppo Pdl Marco Cicerchia che ha preparato la mozione -, e sono comunque strade decisamente trafficate la sicurezza di pedoni e ciclisti è tutt’altro che garantita”.


avatar
Giampypampy

Numero di messaggi : 32
Data d'iscrizione : 17.04.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: ALTRO ALLARME DA FANO!!!

Messaggio  tenius il Gio 26 Mag 2011, 18:35

Ecco l'articolo:
http://www.ilrestodelcarlino.it/fano/cronaca/2011/05/26/512505-pista_ciclabile.shtml

Una pista ciclabile sopra la ferrovia
Maggioranza decisa a votare un documento in questo senso

Fano (Pesaro Urbino), 26 maggio 2011 - Trasformare l’ex linea ferroviaria Fano-Urbino in pista ciclopedonabile. Ad avanzare la richiesta i capigruppo di maggioranza (Marco Cicerchia del Pdl, Giacomo Mattioli de La Tua Fano, Pierino Cecchi dell’Udc e Antonio Napolitano di Fli) che con una mozione impegnano sindaco e giunta "ad aprire un tavolo di discussione con le Amministrazioni dei comuni lambiti dall’ex ferrovia, con la Provincia, la Regione e i vertici di Trenitalia".

I capi gruppo di maggioranza fanno presente che si potrebbe realizzare la pista ciclabile più lunga d’Europa unendo la Fano-Pesaro con la Fano-Urbino: "Una infrastruttura, eco-sostenibile, dai costi limitati e dalle potenzialità enormi sia come attrattiva turistica sia per il servizio offerto alle popolazione dei comuni lambiti dall’infrastruttura".

La maggioranza ricorda che quel tratto di ferrovia è sospeso dal servizio dal 1987 e che non è più necessario in quanto "da anni il collegamento Fano-Urbino è servito da frequenti linee di autobus con fermate in tutti i paesi. Un servizio efficace, simile a quello ferroviario, in termini di fermate, orari e frequenza". Si fa anche notare che il ripristino della ferrovia sarebbe "antieconomico per gli enormi investimenti necessari al suo adeguamento alle normative attuali e in riferimento al sistema dei trasporti provinciali". La trasformazione dell’ex ferrovia in pista ciclabile servirebbe anche a garantire "la sicurezza di pedoni e ciclisti. La Flaminia e varie strade comunali e provinciali che portano a Urbino, decisamente trafficate, non permettono di prevedere corsie riservate alle biciclette e tanto meno ai pedoni".

a Farsi promotore della mozione il capogruppo del Pdl, Marco Cicerchia: "Noi siamo il governo del fare e anche sulla pista Fano-Urbino, di cui tutti parlano, vogliamo verificare concretamente l’opportunità di realizzarla. Mi auguro che, in consiglio comunale, la mozione trovi il sostegno dei partiti d’opposizione". A richiamare per primo l’attenzione sul futuro della Fano-Urbino era stato circa un mese fa il capogruppo de 'I Socialisti per Fano' Christian Marinelli. Ora, con l’indicazione specifica di trasformarla in pista ciclabile, la Fano-Urbino è diventata una battaglia di tutto il centro destra. "Il turismo con la bicicletta al seguito - fanno notare i capigruppo di maggioranza - è in costante crescita, salutare e totalmente eco-sostenibile. La vocazione al turismo dei comuni di Fano e Urbino e di tutti i comuni che si trovano lungo il percorso della ex ferrovia (che in sostanza in buona parte coincide con la vallata del fiume Metauro) ne potrebbe fare meta ambitissima e frequentatissima da parte di chi viaggia con bici al seguito. Da pochissime settimane è stata inaugurata una pista ciclabile che collega Pesaro con Fano e tutti noi ne abbiamo visto l’utilizzo, al di là di ogni aspettativa, da parte dei cittadini: 500 i passaggi all’ora stimati e non siamo neppure entrati nei mesi caldi, per i quali non immaginiamo nemmeno le potenzialità di tale infrastruttura".

Per i nostalgici della ferrovia sembra chiudersi ogni speranza di vedere riattivare la Fano-Urbino visto che tutte le forze politiche, da sinistra a destra, sembrano convergere verso un’unica soluzione: trasformarla in pista ciclabile sostenuti, nella loro convinzione, dallo studio della Svim (Sviluppo Marche spa) secondo il quale non esisterebbero «le condizioni di carattere strutturale e finanziario perchè la ferrovia Fano-Urbino possa essere rimessa in funzione».
Adesso occorrerà attendere le razioni del Comitato nato per riattivare questa linea ferrata. Una battaglia la loro che va avanti da anni ed ha visto i promotori, anche recentemente, aprire tavoli di confronto con le Ferrovie al fine di capire se c’erano margini per riattivare questa tratta. Le finalità comunque sono più o meno le stesse: più che legare il treno al trasporto era soprattutto finalizzato al movimento dei turisti sulla scorta di qualche fortunata impresa avviata soprattutto nelle Alpi.
avatar
tenius

Numero di messaggi : 91
Data d'iscrizione : 07.03.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

ALTRO ALLARME DA FANO!!!

Messaggio  Giampypampy il Gio 26 Mag 2011, 13:02

Dal Carlino del 26/05/2011

- Trasformare l’ex linea ferroviaria Fano-Urbino in pista ciclopedonabile. Ad avanzare la richiesta i capigruppo di maggioranza (Marco Cicerchia del Pdl, Giacomo Mattioli de La Tua Fano, Pierino Cecchi dell’Udc e Antonio Napolitano di Fli) che con una mozione impegnano sindaco e giunta "ad aprire un tavolo di discussione con le Amministrazioni dei comuni lambiti dall’ex ferrovia, con la Provincia, la Regione e i vertici di Trenitalia".
I capi gruppo di maggioranza fanno presente che si potrebbe realizzare la pista ciclabile più lunga d’Europa unendo la Fano-Pesaro con la Fano-Urbino: "Una infrastruttura, eco-sostenibile, dai costi limitati e dalle potenzialità enormi sia come attrattiva turistica sia per il servizio offerto alle popolazione dei comuni lambiti dall’infrastruttura".

Maggiori dettagli nel Carlino oggi in edicola
avatar
Giampypampy

Numero di messaggi : 32
Data d'iscrizione : 17.04.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: ALTRO ALLARME DA FANO!!!

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum